Cerca

ARREDO SACRO

CONSUMABILI

ACCESSORI

ABBIGLIAMENTO

PARAMENTI

ICONE DIPINTE

ICONE STAMPATE

QUADRI

BAMBINI

SACRAMENTI

NATALE

CROCIFISSI

STATUE

ALIMENTI

WELLNESS

MULTIMEDIA

STAMPATI

INDOSSABILI

ROSARIO

SOUVENIRS

INFORMATICA

TURISTICA LIBRI

CLARISSE


Storia della libreria Ancora


La Libreria Àncora di Roma è una attività commerciale che ha come scopo la divulgazione della buona stampa e dell’oggetto sacro.
E’ gestita dalla Congregazione Religiosa dei Figli di Maria Immacolata (Pavoniani).
Siamo presenti a Roma dal 1960.
Àncora è una casa editrice d’ispirazione cattolica.

Il suo logo è un’ancora blu cui sono aggrappate persone con la curiosità per la vita e la passione per i libri; un marchio che da sempre è sinonimo di testi di spiritualità cristiana destinati a religiosi e a laici desiderosi di approfondire la propria fede.
Negli ultimi anni – pur mantenendosi fedele alla propria tradizione – Àncora Editrice ha sentito l’esigenza di rivolgersi anche ad un pubblico più vasto, a quei «cercatori di Dio» affamati di parole che rispondano ai più profondi interrogativi dell’uomo.
Una precisa indicazione di rotta guida gli Ancoristi: diffondere il messaggio evangelico e creare occasioni di cultura, capisaldi che costituirono anche la felice intuizione di Lodovico Pavoni, il prete bresciano che, fondando nel 1821 la prima Scuola Grafica d’Italia, diede anche inizio ad una attività editoriale. Inizialmente sviluppata e gestita come attività della Congregazione religiosa degli Artigianelli Pavoniani, il 18 gennaio 1934 nasce formalmente l’Editrice Àncora.

Oggi Àncora non è solo una casa editrice; dal 1997 fa parte della società Àncora s.r.l. che comprende anche cinque librerie e uno stabilimento grafico. Disporre di una tipografia con tecnologie avanzate permette di assicurare la buona qualità della grafica e della stampa dei libri; al contempo poter contare sui propri negozi consente ad Àncora di controllare l’intera «filiera» del libro, dall’ideazione alla vendita.
Grazie ai religiosi Pavoniani e a un personale di bordo sempre più ricco di laici, l’opera del fondatore continua.
Le macchine digitali hanno sostituito i torchi, i computer sono subentrati alle macchine per scrivere, una produzione più aperta alla cultura attuale ha affiancato i filoni tradizionali; eppure, oggi come allora, certe emozioni sono rimaste intatte: dal fiuto per l’opera di qualità alla fatica che accompagna la lavorazione meticolosa di ogni libro, dal brivido della prima copia all’entusiasmo di vedere il marchio sugli scaffali delle librerie, dalla gioia di scoprire una pubblicazione Àncora fra le mani della gente… alla speranza che essa sia di nutrimento spirituale e arricchimento culturale.