Cerca

ARREDO SACRO

CONSUMABILI

ACCESSORI

ABBIGLIAMENTO

PARAMENTI

ABBIGLIAMENTO

ABBIGLIAMENTO

ICONE DIPINTE

ICONE STAMPATE

QUADRI

BAMBINI

SACRAMENTI

NATALE

CROCIFISSI

STATUE

ALIMENTI

WELLNESS

MULTIMEDIA

STAMPATI

INDOSSABILI

ROSARIO

SOUVENIRS

INFORMATICA

TURISTICA LIBRI

CLARISSE


MAZZA ENRICO

SACRIFICATO PER I NOSTRI PECCATI? UNA RICERCA SULL'ORIGINE DI UN'IDEA

Listino: € 25,00



Disponibilità immediata


Editore EDB
Edizione
Settore / argomento COMMENTARI NUOVO TESTAMENTO
Collana STUDI E RICERCHE DI LITURGIA
Numero Collana 0
Data Pubblicazione 5-2020
Prezzo di Listino 25
Situazione In commercio
Pagine 248
Stato del Libro alle 16:36 del 05-08-2020 il titolo è disponibile in libreria
...ed ora? (click per saperlo)
Ean 978881041651
Altre Informazioni N. vol. 1;
Peso 300;
<Language>Lingua del testo; ita</> <PagesArabic>248</> ;

Due versetti di Paolo - 1Corinti 15,3 e Romani 3,25 - sono al centro di questa ricerca di storia delle idee. Se legati assieme, essi affermano che Gesù è morto per i peccati degli uomini e che la sua morte fu sacrificio espiatorio. Queste frasi vanno lette all'interno dell'intero corpus paolino, dove emerge anche un'altra cristologia, basata sul rapporto di contrapposizione tra il primo Adamo e l'ultimo Adamo, che si caratterizza per la sua obbedienza. In altri termini, con il metodo storico-critico la morte di Cristo non fu sacrificale, né in remissione dei peccati, mentre ciò si può affermare con il metodo tipologico. Poiché Paolo non utilizzerà mai più la frase di 1Corinti 15,3 e Romani 3,25 non è altro che una trasposizione del linguaggio del sacrificio del kippur sul sangue di Cristo, ne segue che questi è come il Propiziatorio, per la giustificazione di tutti gli uomini.

<!--4DIF (records in selection([recensioni])>0)--> : 4DENDIF expected